Il Flamenco a Milano รจ il Mosaico Danza. Corsi, Lezioni, Seminari di Flamenco, Palos Flamenchi, Musica dal Vivo
mosaicoflamenco - il portale italiano del flamenco

§ Uñas
Unghie.

Il chitarrista si deve prendere sempre molta cura di quelle della mano destra. I problemi di fratture delle unghie vengono risolti con l’applicazione di varie colle e mastici. La vera soluzione di tutti i problemi è… avere la fortuna di nascere con unghie resistenti!

§ Valiente
Lett. Coraggioso.
Si dice dei momenti del cante in cui le difficoltà tecniche sono tali da richiedere alte capacità.

§ Variación
Imitazione melodica del tema musicale di base.
Di solito nel flamenco la variación e in realtà una falseta.
§ Venta
Locanda o osteria con alloggio, situata in luoghi fuori mano, nelle campagne, ai bordi delle strade statali o nelle periferie dei centri urbani, molto presente nella tradizione spagnola.

§ Veta
E’ una venatura del legno, che si distingue dal resto per diversità di colore. Una chitarra con molte vetas è definita “vetada”.

§ Vibrar
Far vibrare la corda con un movimento del dito della mano sinistra che la sta schiacciando. In tal modo il suono della corda può durare più a lungo.

§ Vibrato
Il suono ottenuto con la tecnica del Vibrar.

§ Viciada
Si definisce così una chitarra che a causa dell’umidità si sia deformata e abbia la tavola armonica imbarcata e che quindi abbia e corde troppo lontane.

§ Volatil
Vedi Redondo.

§ Voz Afillá
Vedi Afillá.

§ Voz de Falsete
Voce in falsetto. Voce non naturale, forzatamente acuta. Alcuni cantaores la utilizzano quando non riescono con la loro estensione naturale a raggiungere i toni acuti.

§ Voz Gitana
E’ la voce Afillá per antonomasia.

§ Voz Laína
Vedi Laína.

§ Voz Natural
Cantare con la stessa voce che si usa per parlare, senza impostazioni né sfumature particolari.

§ Voz Redonda
Voce dolce, piena e maschile.

§ Vuelta
Giro. Nel Flamenco esistono molti tipi di giro, alcuni comuni con altre forme di danza, in particolare con la danza classica, altri invece specifici del Flamenco, come la vuelta de pecho e la vuelta quebrada.
Si dice Vuelta por delante (in avanti) quando si gira in direzione uguale alla gamba d’appoggio (giro a destra con il peso sul piede destra). Nella danza classica si chiamerebbe giro en dedans.
Si dice Vuelta por detras (indietro) il giro in direzione opposta alla gamba d’appoggio (giro a destra con il peso sul piede sinistro). Nella danza classica si chiamerebbe giro en dehors.